Terranova, un «bagnino» da guardia: il gigante buono che ama i bambini

Foto di Peter Hauschild da Pixabay

A vederlo camminar tranquillo sui marciapiede di Milano non lo diresti il signore delle acque. Eppure il Terranova è proprio il re del nuoto, un autentico funambolo di onde e flutti tanto che viene anche impiegato, e con ottimi risultati, come cane da salvataggio. Il nome deriva dall’omonima isola, scoperta nel 1497 dai fratelli Sebastiano e Giovanni Caboto, in cui veniva selezionato. Abituato a vivere sulle imbarcazioni, era addestrato dai marinai a portare la gomena a riva in modo da poter ancorare il natante, recuperare oggetti caduti accidentalmente dalla tolda ma anche a gettarsi in soccorso di persone. Proprio per l’indole tranquilla, ma anche la sicurezza con cui affronta i malviventi, ebbe presto un posto di privilegio nei parchi delle ville o accanto ai bambini di cui diventa un affettuoso compagno di giochi e custode.
La sua fedeltà alla casa ed alle persone è addirittura proverbiale e ne fu testimone lord Byron, che nel 1815 fece incidere sulla lapide in memoria del proprio Terranova un commovente epitaffio: «… possedeva tutte le virtù dell’uomo senza i suoi vizi». In casa diventa – ed è ovvio – ingombrante con la sua altezza di almeno 70 centimetri ed un peso di poco inferiore a 70 chili, ma meno di quanto si ritenga: resta quieto nel suo angolo, alzandosi raramente e quasi sempre per dimostrare il suo affetto. Qualche inconveniente, in appartamento, lo si ha per il pelo, lungo oltre un centimetro e così fitto da non lasciar passare neppure una goccia d’acqua. Il colore preferito è il nero ma esistono anche esemplari marrone o color cioccolato e bianchi e neri. I cuccioli sono sempre un po’ goffi e paiono persino pigri. A cinque mesi però sono già in grado di eseguire correttamente i comandi e ad un anno diventano dei perfetti esecutori.
Imparano presto a rimanere al guinzaglio o camminare accanto a chi li conduce evitando risse con altri cani. Due passeggiate al giorno gli sono sufficienti per mantenersi in ottima salute. Soffre il caldo e, in presenza dell’acqua, anche in inverno, è difficile tenerlo a riva.

Pubblicato da Riccardo

Sono un appassionato di animali, soprattutto di cani e di gatti. Sono un dogsitter e un catsitter.

Lascia un commento